Cina: azioni bancarie valutate come opzioni

Tom Holland ha pubblicato un articolo interessante sul South China Morning Post tre settimane fa in cui discute le basse valutazioni delle banche cinesi. Circa un decennio fa, se ricordo bene, le banche cinesi negoziavano tra le tre e le quattro volte il libro.

Conclusione: il riequilibrio della Cina riguarda la gestione dei crediti inesigibili

Ho ricevuto molti feedback dal mio post sul blog del 5 gennaio a causa della mia argomentazione secondo cui l'attuazione delle riforme proposte nel Terzo Plenum garantisce quasi un rallentamento dei tassi di crescita in Cina.

Cina: le riforme accelereranno la crescita?

Sebbene ancora vago sui dettagli, il terzo plenum cinese di novembre ha parzialmente chiarito la natura delle riforme che Pechino propone alla Cina nel prossimo anno. Ovviamente molto poco è stato detto in nessuno dei relativi rilasci sulle difficoltà,

Politica monetaria sotto repressione finanziaria

di Michael Pettis, China Financial Markets Seguendo l'esempio di Paul Krugman, immagino di poter definire questo post "stravagante". Gran parte di esso si basa sul mio recente libro Evitando la caduta (Carnegie Endowment, settembre 2013).

Quando i mercati sono "razionali"?

L'assegnazione del Premio Nobel per l'economia il mese scorso ha suscitato molte risatine perché uno dei tre vincitori, Eugene Fama, ha ricevuto il premio per aver affermato che i mercati sono efficienti nell'allocazione del capitale e un altro, Robert Schiller, ha ricevuto il premio per aver affermato che non sono.